Offerta formativa MEDIE

Offerta formativa MEDIE

Scritto il 02/01/2017
da Roberto Santoro


Progetto educativo per allievi 11-14 anni

Il Gruppo, punto di forza!

La fascia di età compresa fra gli 11 e i 14 anni è forse la più delicata nella crescita di un individuo. Ci si apre a esperienze nuove di conoscenza, di responsabilità e soprattutto di amicizie, che spesso rappresentano lo zoccolo duro per genitori ed educatori.

È l’età di un mutamento che coinvolge il corpo, l’identità e la sfera emotiva. Come ogni fase dell’età evolutiva, la preadolescenza ha dei compiti di sviluppo ben definiti e che per il ragazzino comportano impegno, stress e fatica: innanzitutto, le relazioni con i coetanei, del proprio e in misura crescente anche dell’altro sesso, l’acquisizione del ruolo sociale maschile e femminile (che va a rafforzare e connotare sempre più l’identità del ragazzo), l’accettazione dello sviluppo del proprio corpo, il conseguimento di una certa autonomia emotiva dai genitori e, più in generale, dagli adulti, la scoperta dei valori e la formazione di una coscienza etica a guida del proprio comportamento. I cambiamenti riguardano sia la sfera emotiva sia quella cognitiva. In questa fase il ragazzo comincia a sviluppare l’empatia, ma anche uno sguardo più critico verso ciò che ha intorno, genitori e adulti compresi, ed una crescente curiosità verso l’ambiente extrafamiliare, vissuto come fonte di stimoli nuovi ed esperienze interessanti.

Per quanto riguarda l’ambito emotivo, la preadolescenza è un’età di sospensione, caratterizzata dal distacco dal mondo idealizzato, fiabesco dell’infanzia: il ragazzo si rende sempre più conto che i genitori non sono onnipotenti e inizia un percorso di disillusione, attraverso il quale i genitori vengono spogliati dell’infallibilità attribuitagli durante l’infanzia.

II ragazzo mette in discussione la coppia genitoriale che, spesso, appare disorientata ed addolorata di fronte a questo nuovo atteggiamento del figlio, sperimentando anch’essa una sorta di disillusione nei confronti del figlio preadolescente, di quel bambino dolce ed amorevole di cui, ora, sembra non esserci più traccia.

 

L’Atelier ProArt si inserisce educativamente come un’occasione per accompagnare i ragazzi in questo viaggio, offrendo loro un luogo ed un tempo sani e stimolanti nei quali confrontarsi. L’occasione di scoprire altri adulti (i propri insegnanti) che condividono lo stesso amore per la musica. Garantendo percorsi individuali di strumento, volti al raggiungimento delle massime competenze possibili e ricchi di tecnica, repertorio, stile e improvvisazione, il nostro atelier integra la propria proposta educativa con un grosso lavoro d’insieme, aggiungendo l’ora di band settimanale. In quest’ora i ragazzi sono inseriti in ensemble di 6-8 elementi per formare Rock Band pronte all’esplosione sul palco. È un momento di forte aggregazione, nel quale gli insegnanti guidano gli allievi verso competenze espressive, percettive e strumentali. Ogni mese le band salgono sui vari palcoscenici, sui quali essere “star” indiscusse, dove è ammesso essere “spettinati” e fare “chiasso” e dove l’entusiasmo è premiato e il traguardo sempre raggiunto. Ulteriori occasioni “live” sono gli eventi acustici, che coinvolgono gli allievi in formazioni in duo/trio unplugged, per potersi misurare su repertori e tecniche differenti.